N 20/2016 ACQUISTO BENI E SERVIZI INTRACEE

  • Modifica

COMUNICATO N. 20/2016

ACQUISTI BENI/SERIVZI INTRACEE/REVERSE CHARGE  DA PARTE DI SOGGETTI FORFETTARI

ACQUISTO BENI CEE

In caso di acquisto di beni provenienti da un altro Paese Ue, con superamento della soglia annuale di 10mila euro, l’operazione, ancorché realizzata da un contribuente forfettario, assume la qualifica di acquisto intracomunitario.

Il cessionario è pertanto obbligato a iscriversi al Vies, a integrare la fattura ricevuta e a versare l’Iva entro il giorno 16 del mese successivo all’acquisto. In tale circostanza, è inoltre obbligatoria la presentazione degli elenchi Intrastat.

Se il forfettario effettua acquisti CEE di beni per importo inferiore ad € 10.000 annui NON deve fare nulla non integra la fattura cee non presenta Intrastat.

CESSIONI DI BENI CEE

Il forfettario non compie operazioni di cessione di beni cee per cui se effettua cessioni di beni intracee emette fattura indicando “NON COSTITUISCE CESSIONE INTRACEE DI BENI AI SENSI DELL’ART 41, COMMA 2 BIS DL 331/1993”, non deve iscriversi al Vies, non presenta modello intrastat.

ACQUISTO/PRESTAZIONI DI SERVIZI CEE

Nel caso di acquisti di servizi cee i forfettari sono sempre obbligati ad: - iscrizione al Vies; - ad integrare l’IVA del fornitore cee di servizi, versare l’IVA in quanto l’IVA in acquisto è indetraibile,- presentare il modello intrastat.

Nel caso di servizi resi dal forfettario a soggetto passivo cee il contribuente forfettario dovrà: - iscriversi al Vies; - indicare in fattura “Escluso iva art 7/ter DPR 633/1972” - presentare il modello intrastat.

ACQUISTI BENI/SERVIZI IN REVERCE CHARGE (circolare Agenzia Entrate n. 14 del 27.03.2015)

Nel caso di acquisti soggetti a reverse charge (fatture manutenzione caldaie, impianti elettrici...in cui è scritto soggetta a inversione contabile o reverse charge) i forfettari sono debitori di imposta per cui devono emettere autofattura e non potendo detrarre l’IVA sugli acquisti sono obbligati a versare, entro il 16 del mese successivo, l’Iva a debito dell’autofattura emessa.

Siccome la determinazione del reddito dei forfettari non considera minimamente i costi essendo lo stesso determinato come una % fissa dei ricavi si consiglia di NON FARE MAI ACQUISTI UTILIZZANDO LA P IVA.

I soggetti forfettari che effettuano acquisti con utilizzo della P IVA devono, OGNI MESE, consegnare le fatture di acquisto e vendita presso lo Studio.

SalutiDott. Alberto DonatoStudio Donato - Gottardelli commercialisti associati
Via Dietro Filippini n. 24
37121 Verona
Tel. 0452070332 Fax 0452070334