N 1/2021 DICHIARAZIONI DI INTENTO 2021

 COMUNICATO N 01/2021

DICHIARAZIONE DI INTENTO 2021 OBBLIGHI DEL FORNITORE

Facendo seguito al nostro Comunicato n 59/2020 si avvertono i Clienti che nel cassetto fiscale di ogni uno sono disponibili le lettere di intento ricevute nel 2020 a valere dal 1.1.2021.

Si consiglia di entrare e stamparle in modo che in alto a destra vi sia la data di stampa.

Si riepilogano gli obblighi di chi ha ricevuto dichiarazioni di intento:

-         prima di emettere la fattura “Non imponibile art 8/c DPR 633/1972” procedere al controllo della dichiarazione di intento ricevuta entrando nel proprio cassetto fiscale e stampare non solo la tabellina del “Risultato della verifica della lettera di intento” ma anche la lettera di intento vera e propria contenuta nel cassetto fiscale (non fidarsi di quella ricevuta dal cliente ili cui invio è facoltativo anche se opportuno). E’ necessario che tale verifica sia documentata dalla stampa delle suddette ricevute e della dichiarazione di intento. L’accesso al cassetto fiscale deve essere effettuato sempre prima del DDT di consegna della merce.

-         indicare nelle fatture 8/c il numero di protocollo. Il numero di protocollo è composto da 23 caratteri attribuito alla dichiarazione d’intento dal servizio telematico dell’Agenzia delle entrate.

Il controllo, nel proprio cassetto fiscale, della dichiarazione di intento deve avvenire prima della cessione di beni o della prestazione di servizi, e quindi non è sufficiente il riscontro prima della fatturazione. Per esemplificare, si pensi alla seguente ipotesi:

    • ddt del 10 maggio,
    • dichiarazione d’intento presentata il 5 maggio ma riscontrata il 31,
    • data della fattura 31 maggio.

La fattura dovrà necessariamente esporre l’Iva. E’ pertanto necessario  stampare la dichiarazione di intento non appena ricevuta nel proprio cassetto fiscale.

Le sanzioni applicabili al fornitore in caso di emissione di fattura NI Art 8/c senza prima aver riscontrato per via telematica l'avvenuta presentazione alle Entrate della lettera di intento è del 100% al 200% dell'IVA.

Il fornitore non deve più numerare progressivamente le lettere di intento ricevute né registrarle in apposito registro

Distinti saluti.

Dott. Alberto Donato

Studio Donato - Gottardelli

Verona - Via Dietro Filippini n. 24

Tel 0458532113 - 0452070334